• +393407566183
  • verdinotefestival@libero.it

MALEDETTA TIVU’

MALEDETTA TIVU’

Sez. Bambini 34^ Verdinote (2015)

Interprete: Lorenzo Dibilio

Testo e Musica: R. Lasero

Maledetta, maledetta tivù

sempre accesa ogni sera

anche a cena e non si parla più.

Vorrei dirti tante cose papà

ma dovrò aspettare la notte fonda o la pubblicità.

 

E a volte pure lei t’interessa.

Ti compra con lustrini e qualche promessa:

il 3×2 per gli acquisti di massa,

20 centesimi di sconto alla cassa…

 

Ci sono cose più importanti

della mia scuola o del mal di denti

come ad esempio la partita

o la tua fiction preferita!

 

Papà, vorrei anch’io un telecomando

che ti faccia ogni tanto voltare di qua.

Papà, tu per me non hai mai tempo

non mi dedichi un momento di felicità.

 

Un padre non è solamente chi ti da la vita

è un mestiere che s’impara con dolcezza

e con passione.

Invece a te tutto sembra una gran fatica

e te ne stai seduto lì, davanti alla televisione.

 

Maledetta, maledetta tivù

sempre accesa ogni sera anche a cena

e non resisto più.

Vorrei ci portassi fuori papà,

passeggiare con la mamma e con te

come qualche anno fa.

 

Ma mi zittisci come fai ogni volta,

mi guardi gelido con la faccia storta

come se fossi il tuo peggiore nemico

ma cos’ho fatto non l’ho mica capito…

 

Continua pure, vai avanti…

sorridi solo ai concorrenti

del gioco a quiz nel pre-serale

mentre tuo figlio qui sta male!

 

Papà, vorrei anch’io un telecomando

che ti faccia ogni tanto voltare di qua.

Papà, non lo vedi? …sto piangendo!

Non mi dedichi un momento di felicità

 

Da grande non ricorderò

nemmeno una carezza

e il pensiero di mio padre

non mi procurerà emozione.

Ricorderò solo la sua presenza-assenza,

gli occhi tristi di mia madre

e qualche sciocca trasmissione.

 

maledetta, maledetta tivù

admin